Bilancio stabilmente riequilibrato:comunicato stampa 3/12/13

Le attuali difficoltà  -nel Comune di Caltagirone- richiedono che gli uffici di ragioneria abbiano una guida ferma e slegata dalle logiche del passato, che hanno condotto l’Ente in grave crisi. Penso che le ultime dimissioni  -del Ragioniere Generale- diano contezza di come ancora ad oggi nessuno voglia assumersi le responsabilità legate al proprio ruolo. Faccio presente che le questioni gestionali e quindi la redazione dei bilanci, sono in capo ai dirigenti e non al Sindaco o al Consiglio Comunale, che in questo caso trattandosi di bilancio stabilmente riequilibrato, non possono incidere granché in termini di indirizzo politico.I revisori dei conti hanno presentato una relazione nel momento sbagliato, potevano anticiparla in tempo utile, in modo da non mettere in crisi  la dirigenza verso cui è rivolto principalmente l’attacco relativo alle presunte irregolarità, dato che  nessuna scelta amministrativa  può essere adottata senza che vi sia la regolarità tecnica e contabile. I rilievi mossi dai revisori sono confutabili, tendenziosi, sconfinano nella valutazione soggettiva e politica, costituiscono un’aggressione ai dirigenti del Comune di Caltagirone, che  hanno tutti operato con scrupolo e diligenza, in un momento che vede il forte taglio e ritardo dei trasferimenti agli Enti locali. Infine, la relazione dei revisori dei conti, che denuncia irregolarità contabili e di gestione non ha attinenza con il bilancio in esame, con il quale si ipotizza il riequilibrio e la corretta gestione economico-finanziaria. Sul piano politico tutti si devono assumere la responsabilità di produrre un bilancio risanato, così come prevede la Legge.Non è tollerabile che per finalità politiche-elettorali, si possa rischiare di mettere in grave crisi la città, con ulteriori ripercussioni sulle tasche dei cittadini. Il momento richiede che ognuno stia al proprio posto, con i nervi saldi  e che svolga con coscienza il proprio ruolo senza invadere quello degli altri.  Non è tollerabile l’ atteggiamento di certa opposizione che non da alcun contributo costruttivo e che sembra godere delle criticità dell’ente sopravvenute a causa dei loro governi.
3-12-13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *