FEDERALISMO: LOMBARDO, SICILIA HA TUTTO DA GUADAGNARE MA SULLE ACCISE NON CEDO

Roma, 30 dic. – (Adnkronos) – “Dal federalismo abbiamo tutto da guadagnare, anche perche’ peggio di cosi’ non potrebbe andare: a questo stato di cose ci ha portato il centralismo. Pero’ devo ancora capire cosa succedera’ con le accise energetiche”. Lo dichiara in un’intervista al ‘Sole 24 Ore’ il presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo. “Produciamo benzina a partire dal petrolio – spiega il governatore – ed energia elettrica dal ‘pet coke’. E, purtroppo, ne paghiamo anche le conseguenze in termini di inquinamento e salute”.
“Ribadiamo un principio fondamentale del federalismo – sottolinea Lombardo – se si lavora il petrolio in una Regione, le tasse vanno pagate e devono restare tutte su quel territorio. L’altra priorita’ per noi resta la fiscalita’ di vantaggio”. Secondo Lombardo, “si tratta semplicemente di proporre un’alternativa a una violazione gia’ vigente: il meccanismo del contributo a fondo perduto non ha funzionato e va sostituito con un’esenzione fiscale limitata nel tempo. L’Europa ci guadagnerebbe, l’Italia risparmierebbe sulle indennita’ di disoccupazione e il Mezzogiorno non sarebbe piu’ una palla al piede”.
“Il Governo si impegni – sottolinea il governatore – per superare i vincoli che impediscono di applicare una fiscalita’ differenziata per il Mezzogiorno”. Quanto al Ponte sullo stretto, Lombardo aggiunge: “Il Ponte e’ un’infrastruttura che ci consentira’ di uscire dall’isolamento: ci dara’ diritto a entrare nel progetto Alta velocita’ con la tratta ferroviaria Messina-Catania-Palermo e fara’ della Sicilia la porta di ingresso per le merci che entrano in Europa. Non e’ un regalo: se serve, siamo pronti a metterci i fondi strutturali”.

fonte: Libero-news

Notizia inesatta in tema di targhe di studi professionali.

Si stà diffondendo una notizia inesatta in merito all’applicazione della tassa sulla pubblicità per le targhe professionali. Alcuni, probabilmente poco competenti del settore, avrebbero interpretato che a seguito di una sentenza di Cassazione del 8 settembre 2008, sia stata chiarita tale questione, nel senso che deve essere versata la tassa sulla pubblicità, con buona pace delle concessionarie di riscossione e relativi enti locali.
http://abcdiritto.it/la-targa-dello-studio-professionale-e-la-tassa-sulla-pubblicita/
In realtà le cose non stanno così. La sentenza si riferisce ad una questione sorta nel 1998 quando ancora non era vigente la finanziaria 2002 che prevede un’esenzione fino a mq 5,00.
http://www.altalex.com/index.php?idstr=126&idnot=4124
Pertanto stiano tranquilli, perchè la tassa sulle targhe professionali, che di solito sono di misura inferiore ai mq 5,00, non va assolutamente pagata.

Auguri.

Quest’anno dal punto di vista amministrativo ho avuto discrete soddisfazioni. A partire dalle varie proposte bene accolte dagli amministratori, dai dirigenti e dai vari funzionari. Con orgoglio devo dire, senza falsa modestia, che mi sono conosciuto meglio e che messo alla prova, sono riuscito a dare un contributo fattivo nell’interesse della città. Sono stato ascoltato e spesso i suggerimenti sono stati accolti, sia quelli ufficiali che quelli ufficiosi. Non sempre ogni proposta diventa atto di indirizzo politico, a volte il rispetto per il prossimo suggerisce di risolvere questioni discutendone al di fuori dai canali ufficiali. Così la novità della proposta di iniziativa consiliare, inaugurata da me in questo consiglio comunale. La semplificazione nell’applicazione della normativa sulla privacy presso l’ufficio anagrafe. La proposta di semplificazioni per la realizzazione di tettoie e pertinenze. I contributi fattivi per variare norme (semplificando e consentendo) in merito al PRG Piano San Paolo, e al regolamento per la installazione di sistemi radioelettrici. La proposta per ridurre le altezze delle attività commerciali ed artigianali. Ordini del giorno, mozioni, quasi sempre accolte, interrogazioni su fatti di rilevante importanza che hanno avuto risposte serie e dalle quali sono partiti importanti ragionamenti. La definitiva soluzione alla questione dei nulla-osta in ex area preriserva che la Soprintendenza ha sbloccato a seguito di una mia missione a Catania nella qualità di Amministratore Locale.I cordiali rapporti con gli assessori, che ci portano, spesso, a condividere pensieri idee e propositi. L’ottimo rapporto con il Sindaco, con il quale, pur essendo diviso rispetto gli assetti politici, riesco a dialogare sul piano amministrativo conferendo indirizzi concreti (es. semplificazione regolamento riserva Santo Pietro). Certo avrei voluto fare di più, ma i problemi da risolvere me li sono dovuti inventare io. A parte il riscontro dell’Amministrazione e dei funzionari, a parte i colleghi consiglieri con i quali ci siamo confrontati e che mi hanno onorato nell’ascoltarmi, darmi fiducia e considerazione, ho notato che dalla “base” è venuto poco. Sarei stato davvero lieto nel ricevere più consigli, più proposte per la città e nel mettermi a disposizione per discuterle nelle sedi opportune. Addirittura ho visto chi sa di potere contare su di me che preferisce affrontare questioni importanti da solo, rischiando di ricavare risultati inconcludenti ed a volte dannosi. Io, per fortuna, già da molto tempo, ho imparato la lezione e se sono riuscito a fare ed ottenere qualcosa per la città, è stato solo perché ho saputo affrontare le questioni, in modo spassionato, senza mai fare prevalere interessi personali, assieme agli altri, dividendo con essi meriti e demeriti. Tutto sommato il resoconto di un anno di attività amministrativa è da ritenersi positivo, certamente un buon punto di partenza. Con queste riflessioni, con l’auspicio che aumenti in tutti noi la propensione al dialogo, alla condivisione, al senso di democrazia e partecipazione, auguro a tutti un Buon Natale, che sia foriero di sentimenti di positività per il nuovo anno. Auguri.

Dall’assemblea Regionale – approvato l’esercizio provvisorio e la proroga per la definizione delle pratiche di condono edilizio

L’Ars ha approvato l’esercizio provvisorio Con 41 voti a favore e 19 contrari l’Assemblea siciliana, presieduta da Francesco Cascio, nella seduta di venerdì 19 dicembre 2008, ha approvato l’esercizio provvisorio del bilancio di previsione della regione per l’anno finanziario 2009. “Si” definitivo di Sala d’Ercole anche alla legge per i precari, per l’occupazione e lo sviluppo che è passata con 53 “si” e 14 astensioni. In quest’ultimo provvedimento legislativo c’è anche la norma che proroga al 31 dicembre 2009 il termine per la definizione delle pratiche per la sanatoria edilizia. L’Assemblea ha pure approvato tre ordini del giorno –primo firmatario Salvino Caputo (PDL)- in sostegno del settore agricolo, mentre è stato accolto come raccomandazione un documento –primo firmatario Filippo Panarello (PD)- che tende a impegnare l’assessore per i beni culturali a destinare i fondi per le associazioni concertistiche siciliane secondo criteri “rispondenti alla reale attività” da esse svolte. Nel rinviare la seduta a lunedì 29 dicembre alle ore 12, il presidente dell’Assemblea Francesco Cascio e il presidente della regione Raffaele Lombardo hanno rivolto ai parlamentari, al personale e alle rispettive famiglie i tradizionali auguri per le festività di fine anno. Scambio di auguri che era avvenuto anche con i giornalisti della stampa parlamentare, con i quali si erano incontrati nella Sala Rossa di Palazzo dei Normanni prima dell’avvio dell’attività d’Aula.

consiglio comunale del 17-12-2008

Nella serata si doveva trattare la variante all’art 18 Regolamento edilizio – tettoie e pertinenze – provvedimento già approvato in quarta commissione. Purtroppo è stato rimandato a causa di impegni famigliari del dirigente UTC. Questa mia iniziativa sta avendo davvero un lungo corso: la proposta iniziale è stata cambiata due volte ed approdata in Consiglio variata di nuovo con un maxi-emendamento. Inoltre, la quarta commissione consiliare ha ritenuto di chiedere all’Amministrazione di farla propria, cosa poi avvenuta. Adesso attendiamo l’atto finale.
Si è passati alla trattazione di quattro mozioni. La prima del Consigliere Garofalo più altri, attinente la pulizia dei tombini della città. La seconda del consigliere Bauccio attinente la qualificazione della via Duca degli Abruzzi, in particolare impegnava l’Ammministrazione a realizzare una piazza sotto la Basilica di San Giacomo demolendo alcuni fabbricati di privati. La Terza del Consigliere Garofalo attinente contrada Noce per il ripristino strade, illuminazione e metanizzazione della contrada Noce.L’ultima del consigliere Alba, per la realizzazione di un marciapiede. Approvate tutte all’unanimità ma con modifiche. In particolare, la Mozione di Bauccio è stata stravolta, dando un indirizzo molto generico all’Amministrazione, teso a riqualificaree gli spazi esistenti, senza parlarsi di piazze, demolizioni etc etc, mentre la mozione di Garofalo per contrada Noce è stata modificata nel senso di provvedere solo ai lavori di manutenzione della strada esistente.

consiglio comunale del 5-12-2008

Trattati tre debiti fuori bilanci. Come al solito polemiche dei componenti MPA Li Rosi-Failla intervento tecnico del consigliere De Caro vari interventi di Garofalo, Bauccio, Alba, Pulvirenti. Voto del primo provvedimento: MPA Astenuti tranne io che ho votato favorevole assieme al resto del consiglio comunale. Per il secondo e terzo debito fuori bilancio sono stato assente, ma mi risulta che poi hanno votato tutti favorevolmente…. anche i nostri amici dell’MPA.

Per le sanatorie si puo fare l’autoconcessione?

Palermo, condono edilizio con la perizia giurata, l’assessore Di Trapani chiede applicazione di tariffe minime

Pubblicato: Dic 4, 2008


Un accordo con gli ordini professionali – architetti, ingegneri e geometri – per adottare tariffe minime rispetto ai tariffari in modo da venire incontro a tutti coloro che intendono avvalersi della perizia giurata per le istanze di condono edilizio, limitatamente a quelle che si riferiscono ex L. 47/85 e L. 724/94.La richiesta di collaborazione ai tecnici, che nei prossimi giorni sarà definita durante un incontro con tutti i rappresentanti dei professionisti, è dell’assessore comunale all’Edilizia privata Giovanni Di Trapani, che già nei giorni scorsi aveva annunciato una massiccia campagna promozionale attraverso l’affissione per mettere i cittadini nelle condizioni di aderire al condono utilizzando lo strumento della perizia giurata, sostitutivo a tutti gli effetti della concessione o della autorizzazione edilizia in sanatoria. Naturalmente, provvedendo al versamento al Comune degli oneri dovuti. “La perizia giurata – afferma l’assessore Di Trapani – garantisce al cittadino in tempi ragionevolmente brevi l’ottenimento della concessione o della autorizzazione edilizia, con lo snellimento delle procedure e nei prossimi giorni porterò in Giunta anche la delibera che dà il via libera all’avviso alla cittadinanza con l’affissione. Tra l’altro – prosegue l’assessore – l’art. 17 della legge n. 4/03 non definisce alcun termine di scadenza per la presentazione delle perizie giurate che, quindi, potranno continuare ad essere incamerate dal Comune”.
Dalla data di entrata in vigore della L. 4/2003 al 31 dicembre 2007 sono state presentate 2.256 perizie giurate, mentre quest’anno ne sono arrivate agli uffici soltanto 335.“Ho ritenuto opportuno – continua Di Trapani – coinvolgere le categorie professionali che hanno dimostrato la giusta sensibilità per agevolare ulteriormente, dal punto di vista economico, quei cittadini che volessero far ricorso alla perizia giurata. Dunque, coloro che si rivolgeranno agli ingegneri, agli architetti e ai geometri avranno l’opportunità di corrispondere un onorario vicino ai minimi tabellari, rapportato, evidentemente, alla tipologia di abuso edilizio cui si riferisce la richiesta di perizia. La collaborazione degli ordini professionali – conclude Di Trapani – potrebbe rivelarsi fondamentale, giacché il problema condono negli anni ha assunto vaste dimensioni e non può più essere procrastinato, né affidato al caso o ad iniziative disorganiche”.La perizia dovrà essere redatta ai sensi dell’art. 17 della L.R. 4/2003 conformemente allo schema, che si può trovare nel sito www.comune.palermo.it – Sportello Unico Edilizia Privata U.O.12, e le istanze dovranno essere presentate all’Ufficio Sportello dell’Edilizia Privata, che si trova in piazzetta Cairoli 5, dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30.Va ricordato che ai sensi della L. 47/85 e L. 724/94 e successive modifiche ed integrazioni, per abusi edilizi commessi nel territorio comunale, sono state presentate circa 35 mila istanze ex L. 47/85 e circa 15 mila ex L. 724/94.

(FONTE: Siciliatoday-economia)